Progetto PON e Desk imprese

Stampa Progetto PON e Desk imprese
Invia ad un amico Progetto PON e Desk imprese

PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO - Progetto "Caltanissetta e Caserta sicure e moderne"

 

Confindustria Centro Sicilia partecipa attivamente, in qualità di soggetto attuatore, al Progetto “Caltanissetta e Caserta sicure e moderne”, promosso dal Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura (soggetto Beneficiario) in partnerariato con Confindustria nazionale, e approvato con decreto 21 giugno 2011 dell’Autorità di Gestione a valere sul PON Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013, Asse II “Diffusione della Legalità”, Obiettivo operativo 2.4 “Contrastare il racket e l’usura”.


Il Progetto ha l'obiettivo di implementare una concreta azione di sostegno alla legalità e alla trasparenza, creando in luoghi strategici, come Caltanissetta e Caserta, due centri di riferimento e di coordinamento delle attività di assistenza, formazione e consulenza per le imprese in ambito economico-finanziario, giuridico-legale, amministrativo-gestionale e psicologico, al fine di accrescere la consapevolezza della cultura della legalità nei territori di riferimento e incentivare le denunce e il contrasto ai fenomeni del racket, delle estorsioni e dell'usura.


Le iniziative previste nell'ambito del Progetto mirano, quindi, a sviluppare azioni importanti per assistere le imprese in tutte le fasi necessarie e preliminari alla denuncia, sollecitando comportamenti attivi e consapevoli di ribellione a qualsiasi commistione con la malavita organizzata.


L’esperienza sul campo ha infatti dimostrato il ruolo fondamentale delle Associazioni di categoria, in chiave preventiva, nei confronti degli associati, sia sotto il profilo della informazione che del sostegno a chi si accinge alla denuncia.


Il Progetto si muove quindi nella direzione di favorire una “sicurezza partecipata”, in cui Istituzioni, categorie produttive, associazionismo e società civile sono chiamate, tutte insieme, a fare sistema per sviluppare processi virtuosi di rinnovamento e favorire in questo modo l’emersione dei fenomeni criminali.


In data 27 febbraio 2012 è stata stipulata la Convenzione che disciplina i rapporti tra i partner del Progetto e consente l'avvio delle iniziative.

 

In questo quadro, Confindustria Centro Sicilia rappresenta uno dei soggetti deputati alla realizzazione delle specifiche attività previste dal Progetto, tra cui rientrano, a titolo esemplificativo: l’istituzione del servizio dello Sportello diretto per le imprese (Desk imprese), lo svolgimento di attività di assistenza legale, economico-finanziaria, gestionale-amministrativa e socio-psicologica a favore delle imprese, ai fini della lotta alla criminalità, al racket e all’usura, per convincere gli imprenditori siciliani a denunciare e non accettare compromessi; i momenti di auditing con le imprese e di scouting nei territori di riferimento e l’organizzazione di incontri finalizzati anche ad incrementare i livelli di adesione al Protocollo di legalità siglato tra Confindustria e il Ministero degli Interni nel 2010 e ad utilizzare gli strumenti di legalità previsti dalla normativa (es. rating legalità, white list, ecc.); le attività di pubblicizzazione e promozione culturale contro il racket e l’usura a livello territoriale, di diffusione dei contenuti del Progetto attraverso specifiche campagne di comunicazione e di sensibilizzazione sui nuovi modelli da seguire; le attività di formazione e informazione per le imprese mediante l'organizzazione di conferenze, workshops, seminari, web conferences ecc.